CHE SUONO HA LA FELICITA’?

Continua la collaborazione tra il Comune di Cernobbio e Fondazione La Società dei Concerti per una proposta musicale di alta qualità.
Sono previsti sei appuntamenti da giugno a settembre dislocati fra Villa Bernasconi, considerata la casa della cultura a Cernobbio, e nelle Chiese di San Vincenzo a Cernobbio, Santo Stefano a Piazza e San Michele Arcangelo a Rovenna grazie alla sensibilità dell’Assessore alla cultura Maria Angela Ferradini del Parroco della Comunità Pastorale Beata Vergine del Bisbino.

Che suono ha la felicità?” questo è lo slogan scelto dalla Società dei Concerti poiché la musica ci permette di vibrare, dona emozioni e rende più felici.

Il ciclo di appuntamenti inizierà il 21 giugno 2024 in occasione della Festa Europea della Musica con un concerto a ingresso libero nella Chiesa di San Vincenzo a Cernobbio. I protagonisti sono tre artisti internazionali specializzati nella musica barocca che ci porteranno a “passeggio nel ‘700”: Francesca Lanza, traversiere e voce, Ernest Braucher al violino e Paola Poncet al clavicembalo.

 

Gli appuntamenti in Villa Bernasconi, meravigliosa dimora liberty oggi Museo della casa che parla, costituiscono dei preziosi momenti di emozioni, in un contesto intimo, dall’acustica perfetta e con la possibilità di ascoltare il dolce suono dello storico pianoforte Pleyel di Laura Alvini che vive nella Villa.
Lunedì 8 luglio, lunedì 22 luglio e lunedì 26 agosto 2024 sono previsti talenti eccezionali: le giovani pianiste Patrizia Amane di Lella, al suo primo concerto a Cernobbio, “l’amica di VillaMonica Zhang che farà duellare Chopin e Rossini, e il debutto del baritono Baj Jie, voce morbida e versatile, accompagnato al pianoforte da Matteo Failla.

 

Il 6 settembre 2024 sarà la volta della Chiesa di Rovenna che, con la sua meravigliosa acustica, ospiterà il duo di arpe Margherita Spicci e Miriam Pipitone, una formazione che esalta il suono dell’arpa e ne amplifica le potenzialità.
L’ultimo concerto è previsto per il 4 ottobre 2024 nella Chiesa di Piazza Santo Stefano con il Quartetto Sincronie, formazione italiana che impagina un programma di rimandi e ispirazioni. I brani dalla Messa a quattro voci di Claudio Monteverdi scritti nel 1650 sono colonna fondante per l’opera del compositore novecentesco Malipiero in uno speculare gioco di sonorità, ricerca timbrica e colori.

Biglietti:
– I concerti all’interno delle chiese sono a ingresso gratuito.
– I concerti in Villa Bernasconi prevedono un biglietto di entrata di 10€, è consigliata la prenotazione sul sito della Fondazione La Società dei Concerti.

villabernasconiCHE SUONO HA LA FELICITA’?