GIOCARE CON L’ARTE

LA MANSARDA DI VILLA BERNASCONI
piccolo Atelier per grandi e piccini
Dai burattini di Klee al circo di Alexander Calder all’arte in movimento di Pollock
3 laboratori per avvicinare i piccoli al mondo dell’arte a cura di Fata Morgana

Tre appuntamenti della durata di un’ora ciascuno più visita al museo, dedicati a partecipanti tra i 4 e gli 8 anni.

 👉 I BURATTINI DI KLEE
Domenica 18 marzo 2018
dalle 15 alle 17
Il laboratorio è riservato ad un massimo di venti bambini tra i 4 e gli 8 anni, accompagnati obbligatoriamente dal loro papà.
Il costo di partecipazione è di € 10,00 a bambino; il papà partecipa gratuitamente.
➝ iscrizione obbligatoria qui

Cartoni delle uova, pezzi di stoffa, pennelli, colori, tappi di sughero e avanzi di lana prenderanno vita. Veri pezzi unici, opere d’arte create con cuore e libertà.

In occasione della “Festa del papà”, papà e figli parteciperanno insieme ad un laboratorio speciale, ripercorrendo la storia di Paul Klee che, per giocare con suo figlio Felix, realizzò per lui un burattino in occasione di ogni compleanno. Con diversi materiali di recupero si darà vita a fantastici burattini così come fece il famoso artista che, con materiale povero, realizzò numerosi fantocci ricchi di vita, di personalità, d’invenzione: pupazzi dal cuore umano tutti da animare per dare vita a tante storie ed avventure.


 👉 ALEXANDER CALDER e il suo circo
Sabato 21 aprile 2018 dalle 15 alle 17
Costo del laboratorio: 10 euro a bambino

Tra narrazione, e gioco questo laboratorio avvicinerà bambini e genitori al grande artista. Insieme si inventerà un nuovo circo da animare mettere in valigia e lasciare a Villa Bernasconi per tutti i bambini che lo vorranno vedere, per tutti i bambini che ci vorranno giocare, per tutti i bambini che ci vorranno aggiungere dei personaggi, per tutti i bambini che vorranno portarselo a casa o a scuola o che vorranno farlo viaggiare proprio come ha fatto Alexander Calder.

Alexander Calder era uno scultore, pittore, illustratore, incisore, disegnatore americano, maestro nel gestire linee che creano ombre danzanti. Per gioco aveva deciso di costruirsi un circo in miniatura che lui stesso animava e che teneva in alcune valigie pronto a girare il mondo proprio come un circo vero. Arte, storia, artigianato, narrazione sono tutte caratteristiche che possiede quest’opera fantastica, ora esposta a Whitney Museum of American Art di New York.


 👉 ARTE E MOVIMENTO DANZIAMO CON JACKSON POLLOCK
Sabato 26 maggio 2018 dalle 15 alle 17
Costo del laboratorio: 10 euro a bambino

Jackson Pollock nacque e crebbe in Wyoming terra di indiani pellerossa, bisonti e cowboy. Da grande, trasferitosi a New York, cullava un sogno: voleva diventare un artista! Era appassionato di musica jazz, era molto bravo a disegnare ma forse avrebbe preferito fare lo scultore, non sapeva bene neanche lui… eppure di lì a poco avrebbe rivoluzionato l’intero mondo dell’arte!!
Via cavalletti e tavolozze!! Solo lui, una grandissima tela e i suoi colori. Come aveva visto fare dagli indiani Navajo, Pollock cominciò a camminare attorno alla tela e inventò un nuovo modo di dipingere: dipingere in movimento!!!!
Seguendo attenti le tracce di Pollock scopriremo nuovi modi di essere artisti, nuove tele da esplorare, nuovi modi di raccontare. E tu che cosa ci vedi? Un pasticcio di vernice! Forse la mappa di una città? Strade! Autostrade! Sentieri e viuzze! Siete pronti a percorrerle tutte?!

villabernasconiGIOCARE CON L’ARTE