Parla con Villa Bernasconi: è attivo il Chatbot

Una Villa che parla con i più moderni strumenti offerti dal mondo dei social network per essere sempre più attenta ai propri visitatori. Il 2018 di Villa Bernasconi si apre con un’interessante novità: i ChatBot, una delle tendenze social media in continua crescita nell’ultimo periodo, peraltro adottati da alcuni tra i più importanti musei italiani come la Reggia di Caserta.

I chat bot, di Villa Bernasconi sono stati sviluppati dai giovani ingegneri Isaia Piazzoli e Nadir Bertolosi, tra i vincitori del “Bando Meet 2016” su giovani, turismo e innovazione promosso dal Piano Territoriale per le politiche giovanili. Nuova dimostrazione di come a Cernobbio si continui a valorizzare la creatività ed il talento dei giovani, permettendo loro di sviluppare le proprie professionalità, nel solco di quanto previsto dagli obiettivi del progetto “Liberty Tutti”. «Per il neonato museo interattivo di Villa Bernasconi a Cernobbio, abbiamo studiato e realizzato il ChatBot della relativa pagina Facebook – raccontano i due giovani ingegneri -. Un ChatBot non è che un programma in grado di comprendere e interpretare il contenuto semantico di un messaggio inviato da una persona fisica e rispondere con una serie di frasi pre-impostate secondo delle logiche programmabili. La funzione è svolta tramite software di intelligenza artificiale che “imparano” da un set di messaggi predisposti (ovviamente coerenti con i potenziali contenuti degli utenti) che forniscono risposte coerenti alle richieste del pubblico. L’obiettivo, in una prima fase di progetto, era quello di fornire alle persone informazioni di base su semplici richieste quali orari, prezzi o ubicazione. In coerenza con la linea comunicativa di Villa Bernasconi, che in prima persona si mette in relazione con i suoi visitatori, i ChatBot sono invece stati sviluppati al fine di ottenere dagli utilizzatori dati e informazioni utili alla programmazione museale ponendo domande in modo che le risposta consentano uno studio statistico su diversi elementi quali, ad esempio, le modalità di trasporto con cui raggiungerà il museo oppure l’opinione circa il prezzo del biglietto! ChatBot, quindi, non solo come servizio per il potenziale visitatore ma come uno strumento per favorire una maggiore conoscenza del proprio pubblico in modo da migliorare costantemente la qualità delle proposte di Villa Bernasconi”.

A Cernobbio, dunque, Villa Bernasconi è una villa che parla e che racconta, in modo sempre più moderno e innovativo.

villabernasconiParla con Villa Bernasconi: è attivo il Chatbot